lunedì 2 febbraio 2009

con la mora al monte

Ieri mattina, al risveglio, dopo una notte di incubi (la MIA maratona che partiva senza di ME...), mi sono precipitato alla finestra che dà verso il Conero e la situazione meteo non si presentava così grave com'era nelle previsioni, anzi, il monte non portva neanche il cappello... buon segno!
"ma ahimè sono appiedato!!"
"appiedato???"
"magari...!!"
Il piede e sempre dolente e i sintomi sono, di nuovo, tutti quelli della fascite plantare.
MTB, 10 km di trasferimento, 13km di single track di quelli tosti, infidi, viscidi e scoscesi e, altri 10km di ritorno verso i ... vincisgrassi
Insomma 33km in 2h 30' con un discreto lavoro
cardiorespiratorio e di tonificazione muscolare.
Quasi come un buon lunghissimo collinare..
"o no??"



6 commenti:

Furio ha detto...

AHi la fascite di nuovo!
Via subito col la pallina da tennis..
nelle settimane scorse ne ho avuto un leggero fastidio anche io (dopo l'osteopata ho avuto piccoli fastidi ovunque), ora è quasi del tutto passata.

fabiodelpia' ha detto...

Grazie del consiglio Furio, ma devo colpirla di dritto o di rovescio...?;))

Michele ha detto...

Brutta bestia la fascite, mia moglie è dall'osteopata giusto adesso.Interessante articolo su RW di gennaio a proposito degli infortuni dei runner moderni

GIAN CARLO ha detto...

Di necessità virtu'

fabiodelpia' ha detto...

Ciao Michele, dì pure a tua moglie che siamo fortunati.. Facciamo parte della maggioranza. Nell'ultimo anno,dice l'articolo su RW, la maggior parte degli infortuni è dovuto all'infiammazione alla fascia plantare. Male di moda? Mal comune mezzo gaudio? maahh..
Ciao Gianca, si fà quel che si può!

Max ha detto...

Dai che tutto passa....intanto fai bene a mantenerti con la MTB....