mercoledì 28 gennaio 2009

I'm back

Qui si torna a correre e per validi motivi!
C’è chi corre perché poi a mangiare non si sente in colpa.
C’è chi corre per farsi di endorfine.
C’è chi corre perché gode quando qualcuno lo guarda strano solo perché gli ha detto che ha corso una maratona, ma soprattutto perché una maratona corrisponde a 42 km e che li ha fatti tutti di corsa.
C’è chi corre per vedere gente.
C’è chi corre perché gli piace usare il cardiofrequenzimetro, il gps, l’Ipod, il sensore da scarpa, interfacciarli per creare grafici, tabelle, mappe, analizzare dati e poi spararsi su Google Earth.
C’è chi corre perché vuole arrivare davanti a qualcuno, non importa se di sesso debole o con il doppio dell’età.
C’è chi corre per andare a New York.
C’è chi corre perché vuole vedere cosa riesce a fare.
C’è chi corre perché ha visto la maratona alle Olimpiadi e poi è uscito gasato a comprarsi un paio di scarpe da running, ha speso un patrimonio in maglie e calzoncini tecnici e ora deve usarli.
C’è chi corre perché corre la sua dolce metà.
C’è chi corre perché dopo il ciclismo, dopo il canottaggio, dopo il tennis, dopo la pallacanestro, dopo il karate, il judo, il pugilato…dopo tutto, gli era rimasto solo di iniziare a corre.
C’è chi corre per il prosciutto.
C’è chi corre perché sennò scoppia.
C’è chi corre e non si ricorda più perché.

Poi ci sono io che ieri sera, unico giorno in cui non ha piovuto, dopo 10 giorni di inattività totale, esco a correre alle 8 di sera, intorno a casa dove mi fa schifo correre, perché altrimenti domani non passo la visita medica.
Sensazioni orribili, per soli 20 miseri minuti: sarò anche partita un po’ troppo forte, pensando che se avevo poco tempo era bene darsi una mossa e provare ad andare veloci, ma mi sembrava che i polmoni prendessero fuoco.

Naso che cola, tosse e rantolo: domani sera avete un appuntamento con lo spirometro.

8 commenti:

Max ha detto...

Correre sotto il cielo rischiarato dalla luna
Correre in compagnia della propria (buona) solitudine
Correre così forte per lasciarsi alle spalle le nuvole
Correre per liberare l'anima e sentirsi vivi

....questa è la mia idea del correre...

Anonimo ha detto...

c'è chi corre perchè in un paese del sudamerica una ragazza se lo portò a casa. alle 3 di notte lui uscì, la luna piena era appena nata a oriente e l'aliseo fischiava possente. in preda a un insano entusiasmo, lui scese la scogliera e si mise a correre a perdifiato controvento sulla battigia rincorrendo la luna... luciano er califfo.

Scava ha detto...

Accc... ricordo quando lo facevo anch'io...

Era bello però sentire che c'era un margine di miglioramento... e... che di lì a poco le cose sarebbero migliorate... meno sofferenza... più resistenza... più velocità...
:-)

Cristina ha detto...

@ Max: poche cose ti fanno sentire vivo come il proprio respiro mentre si corre!

@ Luciano: non è che quell'uomo sta scappando??

@ Scava: le cose miglioreranno di sicuro (spero), però quanta fatica per solo 10 giorni che sono stata ferma...

Daniele ha detto...

Vai Cristina! Spero anche io di poter fare sabato un post con il tuo stesso titolo!

GIAN CARLO ha detto...

....vado a correre

Cristina ha detto...

@ Daniele facciamo il tifo per te!

@ Giancarlo beato te! Stasera visita medica dopo il lavoro, quindi niente corsa.

cinzia ha detto...

concordo con SCAVA... era bello
...ma fra poco anche io I'm back... e finalmente potrò scrivere di nuovo le mie sensazioni
grazie cristina per l'incoraggiamento... ;)